Come leggere dallo schermo senza fatica – parte2 2

 

monitor con occhio

Nel precedente articolo “Come leggere dallo schermo senza fatica – parte1” abbiamo già preso in considerazione gli accorgimenti da adottare legati all’ambiente, come ad esempio la postura, la distanza occhio-schermo, l’illuminazione, ecc …  (se non hai letto l’articolo ti consiglio di farlo ora), quindi, in questo secondo articolo, darò per scontato che tu stia applicando quanto già spiegato in precedenza, in caso contrario le indicazioni che troverai qui di seguito porteranno benefici decisamente minori. 🙂

Oggi vediamo insieme alcuni accorgimenti da adottare proprio durante la fase di lettura

La Meta-guida

metaguidaUtilizza una Meta-guida: una meta-guida è un oggetto lungo e sottile, come un ferro da maglia o un bastoncino cinese, che tieni in mano e fai scorrere riga per riga così che i tuoi occhi la inseguano. Se la tua postura è corretta, se hai regolato grandezza del carattere, contrasto e luminosità, la meta-guida ti consente di leggere in modo più rilassato e con minore affaticamento per gli occhi; inoltre ti aiuta a mantenere una certa distanza dallo schermo.

Nella pratica ecco come procedere:

  1. Scegli la meta-guida più adatta a te: un bastoncino, un ferro da maglia, una matita lunga. Caratteristiche della meta-guida: lunga e sottile, per non dare fastidio durante la lettura. Attenzione anche al colore: sperimenta colori diversi della meta-guida, in quanto alcuni colori possono dar fastidio ai nostri occhi, altri colori, invece, contribuiscono a rilassare l’occhio e facilitano la lettura.
  2. Controlla postura, dimensione del carattere, luminosità dello schermo (secondo le indicazioni dell’articolo precedente)
  3. Fai scorrere la meta-guida lungo ogni riga e lascia che i tuoi occhi la seguano, dopo qualche riga troverai la velocità più adatta a te e la sintonia tra meta-guida e occhi.

Provare per credere!

Appena ti sei abituato/a alla meta-guida puoi rendere la lettura ancora più scorrevole utilizzando la funzione “scorrimento” del computer: premi sulla tastiera la freccia verso il basso alla velocità di scorrimento che preferisci.

 

Ammiccare

ammiccareLa lettura dallo schermo comporta una riduzione dei movimenti dell’occhio e degli ammiccamenti (battito di palpebre), causando fastidio all’occhio (il cosiddetto “occhio secco”), pertanto durante la lettura è importante ricordarsi di battere le palpebre per favorire idratazione e rilassamento degli occhi.

 

Le pause

pausaL’ideale è interrompere la lettura dallo schermo ogni 15 minuti, per una brevissima pausa (anche solo pochi secondi). Interrompi la lettura e fai vagare gli occhi in giro per la stanza, a media-lunga distanza in modo da rilassare i muscoli oculari. Se hai un po’ più di tempo, o se senti gli occhi particolarmente stanchi, ti consiglio di utilizzare gli esercizi di rilassamento descritti negli articoli “occhi stanchi? 5 esercizi per rilassarli”, e “esercizi di Yoga per gli occhi

 

Il Palming

E’ una tecnica, del Metodo Bates, molto efficace per il rilassamento degli occhi. Ecco come funziona:

  • palmingPosizione: seduto/a, piedi appoggiati a terra, gomiti sul tavolo
  • Strofina i palmi delle mani l’uno contro l’altro
  • Chiudi gli occhi e appoggia le mani sugli occhi chiusi, senza toccare le palpebre
  • Riposa gli occhi per uno o due minuti, poi apri gli occhi.
  • Ripeti il ciclo fino a quando senti gli occhi rilassati

Utilizza il palming tutte le volte che senti gli occhi stanchi e le brevi pause descritte sopra non sono sufficienti ad alleviare le tensioni, ma, soprattutto, utilizzalo al termine di ogni sessione lunga di lettura allo schermo.

 

Applica tutti gli accorgimenti e la lettura allo schermo sarà sicuramente più agevole e meno stressante, inoltre, puoi anche imparare delle tecniche vere e proprie di lettura veloce, così che aumentando la tua velocità di lettura diminuirà il tempo che dovrai passare davanti allo schermo, e questo darà ulteriore sollievo ai tuoi occhi!

Ci rivediamo a settembre!
Buona estate,
Marta

2 thoughts on “Come leggere dallo schermo senza fatica – parte2

  1. Reply Luca Baldassari Ago 19,2014 21:48

    Cara Marta,
    trovo molto utile ed efficace ciò che hai pubblicato.
    Da anni mi occupo di apprendimento, lettura, memorizzazione, rendimento scolastico e lavorativo… tutto ciò che tu proponi rappresenta una serie di ottime strategie ma, per quanto siano valide, non agiscono per tutti allo stesso modo.
    Da circa un ventennio, assieme ai colleghi, ricerco e lavoro considerando le basi neurofisiologiche e visuo-percettivo-motorie che permettono alle persone di accedere con facilità ai processi di elaborazione che riguardano lettura, memorizzazione, comprensione, comunicazione… ormai sono certo che creare i prerequisiti a qualsiasi tipo di apprendimento rappresenti una base fondamentale.
    Ti piacerebbe poter proporre anche qualcosa che mettesse tutti coloro che ti seguono in condizione di poter sfruttare al meglio i tuoi suggerimenti…?
    Puoi contattarmi scrivendomi al mio indirizzo e-mail
    Fiducioso di risentirti ti saluto cordialmente rinnovando i miei complimenti per il tuo operato, Luca.
    P.S.: merita un discorso particolare l’uso degli occhiali a fori multipli… posso garantirti che per qualche soggetto sono ottimi mentre per qualcun altro il loro uso nel tempo fa diminuire sensibilmente le capacità visive e procura altri disturbi del Sistema Visivo… fortunatamente esistono Analisi Visive specifiche per conoscere a priori l’effetto di tale strumento su ogni singolo individuo… come giustamente affermi “non sono adatti a tutto” ma soprattutto non sono adatti “a tutti”.

Leave a Reply