5 cattive abitudini nell’apprendimento

Capire che cosa è poco funzionale è il primo passo per migliorare, per questo prima di parlare di buone abitudini per la memoria, (sarà argomento di uno dei prossimi articoli), è utile analizzare gli errori più comuni che una persona commette davanti ad un testo da apprendere, sia esso per studio che per lavoro.

 

sdraiati - iomemorizzo Stare sdraiati: il nostro cervello ha associato a questa posizione uno stato di rilassamento, di calma, non certo uno stato mentale proattivo, concentrato, quindi molto meglio stare seduti quando vogliamo che la nostra mente funzioni in maniera efficiente..

 

 

 

question - iomemorizzoNon farsi domande prima di iniziare a leggere: di solito dal titolo le persone passano direttamente alla lettura del testo, mentre è importante soffermarsi qualche minuto sul titolo e chiedersi “Cosa conosco già di questo argomento?” e cercare di fare un brainstorming di tutto ciò che ci sembra di sapere in merito, magari perchè affrontato durante il percorso scolastico, o perchè appartiene al nostro bagaglio culturale, o abbiamo informazioni derivanti da film, libri letti, canzoni, ecc… qualsiasi informazione riusciamo a ricavare è importante in quanto, essendo già in nostro possesso, la nostra mente la può utilizzare da colonna portante per aggiungere informazioni nuove.

 

sottolineare- iomemorizzoLeggere e sottolineare in prima lettura: questo è uno degli errori più diffusi. Perché è sbagliato? Perchè sottolineare dovrebbe servire a mettere in risalto i concetti chiave di un testo, ma sottolineando prima di aver letto il testo si rischia di:

  • evidenziare frasi che ci sembrano importanti, ma poi in realtà non lo sono nell’insieme dell’argomento trattato
  • ad una seconda lettura (e qualcuno anche ad un terzo ripasso) sottolineare altre informazioni prima tralasciate, magari con un altro colore, ed il risultato è alla fine un testo multicolore in cui le uniche cose che risaltano all’occhio rischiano di essere quelle lasciate bianche, non sottolineate

 

schemi - iomemorizzo

Fare riassunti e/o schemi classici è poco funzionale per vari motivi:

  • richiede molto tempo, soprattutto per trascrivere le informazioni
  • i riassunti e gli schemi non seguono le leggi della memoria
  • non stimolano la creatività
  • sono noiosi, uccidono l’interesse ed il desiderio di apprendere

 

ripetere - iomemorizzo Leggere e ripetere: richiede tempo, è noioso, e spesso dopo qualche settimana ricordiamo molto poco di quanto ci sembrava di aver assimilato.

 

 

 

 

Ora fai un check degli errori che anche tu fai e di quanto tempo perdi per ripetere, sottolineare, fare riassunti. Non ti piacerebbe conoscere e saper utilizzare bene delle vere e proprie tecniche di memoria che ti consentano di sfruttare le potenzialità della tua mente e di ricordare le informazioni anche a distanza di tempo?

“Follia è fare sempre la stessa cosa aspettandosi risultati diversi”

– Albert Einstein

Hai deciso che è il momento di imparare a usare meglio la tua memoria? Complimenti!

Approfitta del periodo estivo per acquisire delle vere e proprie tecniche di apprendimento, ricordo, e lettura veloce!

Ti aspetto a lezione!

A presto,
Marta

Leave a Reply